Ex pugile contrassegnato per omicidio finge la morte in puntura sotto copertura

"Sono l'unica persona in vita che sia mai uscita dalla sua tomba" dice a "48 Hours" l'obiettivo di un omicidio su commissione

Prodotto da Susan Mallie, Jennifer Terker e Claire St.Amant

[Questa storia è andata in onda in precedenza il 20 luglio 2019 ed è stata aggiornata il 5 settembre 2020.]

Ramon Sosa, era un ex pugile professionista che possedeva due palestre a Houston, in Texas, era in cima al mondo, finché non ha saputo che qualcuno stava cercando di assumere un sicario per ucciderlo.È uscito combattendo, aiutando la polizia in un complicato pungiglione, il che significava che sarebbe andato giù per il conteggio in un modo molto insolito.vissuto per parlarne.

Fino ad oggi, Ramon Sosa trova surreale che fosse l'obiettivo di un complotto di omicidio su commissione.

Ramon Sosa: Non ci avrei mai creduto, avrei pensato che fosse solo qualcosa che si vede solo nei film o in TV, non avrei mai pensato che sarebbe successo a me .

Sembrava avere una vita perfetta, dallo stare a stretto contatto con celebrità come Hugh Hefner al possedere una palestra di boxe di successo a Houston e aveva trovato l'amore della sua vita, Lulu.

Ramon Sosa: La vita era molto dolce.

Beth Blair è un'amica dei Sosa.

Beth Blair: Ho visto due persone divertenti, estroverse, amavano fare festa, amavano stare insieme alle persone e fare barbecue, e più persone sono meglio è.

L'entusiasmo per la vita di Ramon è iniziato presto, è nato con uno spirito combattivo, originario della Carolina, Porto Rico, è cresciuto facendo pugilato con suo padre.

Ramon Sosa: mi sono innamorato dello sport della boxe.Ho visto come - come l'allenamento e - e c'erano alcuni campioni del mondo che si sono allenati lì e - e l'ho adorato da - da quando ero piccolo.

post-datato: 2020-09-08

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.